martedì 22 novembre 2022

Linee chiuse



Il mio cuore giovane
si struggeva di mare,
di pensieri scalzi sulla rena
fredda dell'aurora.
Di onde di rabbia,
della piena e della risacca.

lunedì 7 novembre 2022

Un gesto di follia?


Imbrattano dei vetri, non i quadri.

Il loro intento non è vandalico, non mira a distruggere. È simbolico, vuole mandare un messaggio. E questo messaggio non ha solo a che fare con la crisi ambientale, il riscaldamento climatico e tutte le implicazioni del tema (come è nostro dovere conservare l'arte, così va tutelata, rispettata e preservata la vita sulla Terra). Per me ha a che fare anche con l'arte. Con il modo in cui la viviamo.

venerdì 7 ottobre 2022

La cometa


Nel mio sistema solare
orbita da tempo una cometa.
Ha un cuore di ghiaccio
e chiome di sassi e veleni
e uno strascico d'ombra e di luce
infinito come un rimpianto.

giovedì 6 ottobre 2022

Accartocciamenti



Ci accartocciamo l'uno con l'altra le mani
non per difesa, non per lotta,
solo per sentire, in qualche gemito, 
la fioca resistenza delle ossa.
È finita la notte? È giorno
questo sussulto di luce?
Ci siamo invitati l'un con l'altra 
a questo appuntamento senza data.
Ma tu non mi rispondi
e continui a tormentare 
il dizionario delle tue ragioni.
Ci alleniamo le palpebre
l'un con l'altra ancora,
per non sperimentare 
la chiave che gira a vuoto 
nella porta.
È vita, questa? È vita 
questo ferro nel cuore?
E questa volta mi stringi
più forte, non solo le mani,
per salvarmi da tutte le risposte.




martedì 4 ottobre 2022

Mercuriale



Un'altra volta, senza clamori,
senza ferite. L'autunno.
Questa volta quasi mi arrendo
al passaggio, spoglia di lagnanze.
Tanto l'altra stagione non passa. 
Solida nel gelo, tra le marcite
giunture, sotto la pelle
non scioglie la nassa. Eppure

lunedì 28 marzo 2022

Il delitto necessario



L'ho capito, infine.

È stato necessario attraversare
le schegge di vetro 
intorno al telaio sfondato.
Accettare di amputarsi la mano
affidata al braccio corrotto.

lunedì 18 ottobre 2021

Parole al cuore



Chi parlò stasera al mio cuore?

Non era il vento

che batte le imposte

e agli usci un lamento conduce.

Non fu la pioggia

che ride festosa e poi tace

mutata già in terra.

Eco non era stornata

da monti lontani,

né il mare

che accenna in eterno lo stesso motivo.

venerdì 15 ottobre 2021

Questo mare è un balsamo indurito




Questo mare è un balsamo indurito
di cui sfioro appena il profumo.
Non mi accoglie il suo abbraccio.
Infinito è solo il rimpianto
il grumo di sale che spinge sul cuore.

Mi affaccio a questo incanto
sporgendo dal quadro la mia mano.
L'alba muore per far posto al giorno,
non dice il suo dolore. Trapassa
soltanto nella festa mattutina.